am#8
L'Aquila
Spazi per la mobilità
e luoghi pubblici

Schermi e sedute per rendere accogliente la fermata dell'autobus

L'Aquila, Monteluco di Roio 2019

dati

19 studenti di architettura + 1 studentessa di psicologia (3 università)

10 nazioni (Albania, Cina, Colombia, Kazakistan, Iran, Italia, Libano, Polonia, Turchia, Vietnam)

2 fasi: conferenze e istruzioni preliminari + 8 giorni di progetto+costruzione

Scatola di costruzioni: 12 travetti 8,5x8,5 cm lunghi 500 cm, 40 listelli 4x5 cm lunghi 500 cm, 100 tavole larghe 10 cm spesse 2,2 cm lunghe 400 cm, tutto in legno di larice e ferramenta.

am8_31.jpg

committente

Associazione VIVIAMOLAq

 

atelier mobile

Luca Barello, Niccolò Suraci, Cristiano Tosco

 

partner

Politecnico di Torino-DAD: Silvia Gron, curatrice

Associazione VIVIAMOLAq: Giuseppe Mastrangelo, Matteo De Marco, Federico Eugeni

 

team progetto+costruzione

Sarah Bahmani, Giorgia Cisotto, Andrés Felipe Cruz Rodriguez, Alessandra Cusanno, Tuan Dao Ngoc, Ernesto Mario Frigerio, Alper Gültekin, Soha Hijazi, Anton Krassa, Gianluca Lama, Ziqi Liang, Flaminia Marafelli, Nicolò Micucci, Fabrizia Muci, Emiljan Prenga, Marta Saniewska, Corrado Scudellaro, Jiapei Song, Difan Yu, Qingwei Zhou

conferenze

Carla Bartolozzi, Roberto Giordano e Paolo Mellano (Politecnico di Torino-DAD)

 

istruttori per la sicurezza

Valentino Manni, Corrado Carbonaro e Angela Lacirignola (Politecnico di Torino-LaSTIn), Jana Clerici e Davide Negro (Politecnico di Torino-PREP)

critici invitati

Elena Barthel (Rural Studio, Auburn University), Giacomo Borella (studio Albori), Antonello Alici (Univpm), Lorenzo Netti (Politecnico Di Bari), Fabio Andreassi (Università Di Sassari), Paola Rizzi (Università dell'Aquila)

patrocinato da

Comune de L'Aquila, Ordine degli Architetti PPC della Provincia dell'Aquila

sponsor

Politecnico di Torino-DAD (Fondi per il miglioramento della didattica)

fotografie

atelier mobile, Associazione VIVIAMOLAq

am8_35.jpg
am8_34.jpg
am8_32.jpg
am8_2a.jpg
am8_1.jpg
am8_4.jpg

Come possiamo trasformare gli spazi urbani della mobilità in luoghi aperti ad accogliere attività e persone differenti per età e contesti di provenienza? Le fermate dei mezzi pubblici all'Aquila pur nella differenza di collocazione e di pubblico presentano comuni caratteri di assenza di accoglienza e di legami con l'intorno. Sopralluoghi, analisi di tre fermate e del loro spazio fisico, sociale e ambientale, presentazione degli studi sulla mobilità urbana di precedenti workshop dell'associazione VIVIAMOLAq hanno condotto alla scelta della fermata di Monteluco di Roio a fianco della facoltà di Ingegneria dell'Università come sito di progetto.

Gli schermi a zig-zag si accostano alla pensilina esistente ed estendono lo spazio di attesa seguendo la curva del percorso dell'autobus. La struttura offre domesticità a un vasto spazio desolato circondato da un affascinante paesaggio montano: nuovi punti di sosta, ombra e finestre per inquadrare gli Appennini. I bordi azzurri delle aperture indirizzano lo sguardo ad allargarsi verso l'ambiente circostante.

am8_7.JPG
am8_5.JPG
am8_3.JPG
am8_33.jpg
am8_13.jpg
am8_14.jpg
am8_11.JPG
am8_9.jpg
am8_18.jpg
am8_17.JPG
am8_36.jpg
am8_8.JPG
am8_20.JPG
am8_16.jpg
am8_12a.jpg
am8_15.jpg
am8_19.jpg
am8_30a.jpg
am8_21.jpg
am8_24.jpg
am8_27.jpg
am8_23.jpg
am8_26.JPG
am8_25.JPG
am8_28a.jpg
am8_29a.jpg
am8_22.jpg