am#6
Barriera di Milano
Hex M8M6M4

Valorizzazione dei manufatti industriali dismessi nell'area dell'ex scalo Vanchiglia con una struttura di facile assemblaggio con chiavi a brugola (hex)

Torino, Spazio Bunker, via Quittengo 41b 2017

dati

13 studenti di architettura + 1 studentessa di design e comunicazione visiva (1 università)

6 nazioni (Cina, Egitto, Francia, Iran, Italia, Siria)

2 fasi: scelta dell'artista e definizione del sistema costruttivo + 8 giorni di progetto+costruzione

Scatola di costruzioni: 40 tubi in ferro lunghi 300 cm, 120 morsetti in poliammide (4 diversi tipi), 10 travetti 10x10x200 cm, 100 listelli 5x5x200 cm e 20 mq di tavole spesse 2 cm, tutti in legno di castagno.

am6_final3.jpg

committente

Associazione variante Bunker, Torino

 

atelier mobile

Luca Barello, Niccolò Suraci, Michael Armosino

partner

LPCA-Laboratorio Permanente sulla Città e l'Abitare: Michele Cerruti But, Alberto Geuna, Marianna Orlotti, Emanuele Protti, Niccolò Suraci, Alexandro Tripodi, Elisa Troiano

artista invitato

Carlos Valverde

team progetto+costruzione

Adriano Aimar, Mahsa Bayan, Burcu Berk,

Davide Broggio, Loius Chapsal, Youssef Mekael,

Meiqi Qian, Yasmine Ravagli, Alessia Sciotto,

Giorgia Spadaro, Zhen Sun, Jialin Wei, Difan Yu,

Zhuolin Xie

tutor accademici

Chiara Devoti (Politecnico di Torino-DIST),

Roberto Giordano (Politecnico Di Torino-DAD)

conferenze

Paolo Cornaglia (Politecnico di Torino-DIST), Jean-Marie Choquette

e Armelle Varcin (Université De Lille)

falegname

Gianluca Rondinelli (Fargo Legno)

critici invitati

Massimo Camasso, Fulvio Capurso (Beroot Studio), Maurizio Cilli, Sean Kerr (University of Auckland), Martina Muggiri (Studio Superfluo)

sponsor

Politecnico di Torino (Fondi per la progettualità studentesca),

Hangar-Regione Piemonte

fotografie

atelier mobile

un grazie speciale a

Manuela Cristaldi, Francesca Madon e Bruno Mastropietro

(Associazione Variante Bunker)

am6_drawing 1.jpg
am6_building 5.jpg
am6_building 3.jpg
am6_building 4.jpg

L'area dell'ex scalo ferroviario è un grande vuoto urbano, una distesa grigia di asfalto bordata da vegetazione selvaggia, punteggiata di manufatti industriali di varia dimensione, qualità architettonica e costruttiva, in parte recuperati per ospitare attività artigianali, culturali, ludiche e sportive. L'Associazione variante Bunker ne gestisce una delle parti più vive.

Una sessione preliminare con l'associazione LPCA si è incentrata sull'invito di un artista con esperienza di lavoro sullo spazio pubblico e di coinvolgimento degli abitanti di un quartiere. Con l'artista scelto, Carlos Valverde, è stato quindi definito un sistema costruttivo composto da elementi che rappresentasse la democratizzazione dei processi costruttivi per la loro semplicità di assemblaggio mediante una chiave a brugola.

 

Un'incastellatura metallica ridefinisce gli spazi al di sotto e a fianco di una tettoia in cemento armato, la attraversa diagonalmente collegandola agli spazi esterni con un ritmo parallelo alla sua struttura di sottili montanti e pannelli aggettanti illuminati da tubi fluorescenti. Due pedane mobili a gradoni la affiancano invitando a ospitare incontri, esposizioni e spettacoli.

am6_building 1.jpg
am6_building 2.jpg
am6_building 6.jpg
am6_final8.jpg
am6_final2.jpg
am6_final4.jpg
am6_final7.jpg
am6_final6.jpg
am6_final5.jpg
am6_final1.jpg