am#5
Paraloup
Finestre sul paesaggio
e la memoria

Stazioni di sosta e informazione lungo i percorsi che portano alla borgata alpina

Rittana (CN), Borgata Paraloup 2016

dati

20 studenti di architettura (1 università)

5 nazioni (Albania, Cina, Italia, Siria, Turchia)

2 fasi: studio e prototipazione del sistema costruttivo + 6 giorni di progetto+costruzione

Scatola di costruzioni: listelli di castagno 6,5x6,5 cm di tre lunghezze su un modulo di 54 cm e separatori cubici, barre filettate in acciaio passanti da 8 mm su fondazioni da realizzare in opera con cumuli

di pietra locale.

am5_building system.jpg

committente

Fondazione Nuto Revelli

 

atelier mobile

Sara Ambrosoli, Luca Barello, Paolo Cavallo,

Beatrice Gamba, Paolo Golinelli, Luca Malvicino, Niccolò Suraci

team progetto+costruzione

Ali Baris Altan, Michael Armosino, Alice Cerrano, Siyu Chi, Chiara Genta, Ruijun Liu, Murat Öğücü, Francesca Pastorino, Francesco Scialdone, Yi Shan, Flavia Spina, Lorenzo Torre, Mingyang Wang, Peiwei Wu, Zhuolin Xie (sistema costruttivo+workshop), Mary Farwy, Silvia Favaro, Sammy Zarka (workshop), Ornela Mici,

Vittorio Scolamiero (sistema costruttivo)

tutor accademici

Chiara Devoti (Politecnico di Torino-DIST), 

Roberto Giordano (Politecnico Di Torino-DAD)

falegnami

Guido Magliano (workshop), Alberto Seita (sistema costruttivo)

critici invitati

Walter Nicolino, Jan-B Zwiejski (Université Laval Québec)

patrocinato da

Città di Cuneo, Comune di Rittana

sponsor

Politecnico di Torino (Fondi per la progettualità studentesca)

fotografie

atelier mobile, Murat Öğücü

un grazie speciale a

Beatrice Verri (Fondazione Nuto Revelli), Walter Cesana (Comune Di Rittana), Sara Gorgerino (Rifugio Paraloup), Dario Castellino, Valeria Cottino,

Claudio Germak, Paolo Mellano

am5_sketches.jpg
am5_models.jpg
am5_models1.jpg
am5_prototype.jpg

La borgata alpina di Paraloup è un antico agglomerato di baite a 1360 metri s.l.m. in una posizione strategica con un'ampia visuale sulla valle Stura e la pianura, luogo in cui si raccolse la banda partigiana di 'Giustizia e Libertà' durante le prime fasi della resistenza nella seconda guerra mondiale. Paraloup, che significa 'difesa dai lupi', è stata recuperata nel 2013 dalla Fondazione Nuto Revelli per ospitare attività culturali legate alla storia dei luoghi e dei suoi abitanti, nel solco dell'attività del membro della brigata a cui è intitolata.

 

Lungo le vie che portano alla borgata, una serie di stazioni costituiscono punti di sosta, di osservazione del paesaggio, di informazione storica attraverso pannelli che rimandano a file multimediali e che mostrano modi diversi di utilizzo costruttivo di elementi lineari sottili. Ogni stazione è legata a una parola chiave e a un luogo: la salita in montagna (borgate alpine), il mondo contadino (alpeggio), la libertà (torrente) e il rifugio (bosco). Le prime tre si incontrano lungo la strada che sale a Paraloup, l'ultima, in un boschetto di pini subito a monte della borgata, lungo il sentiero che porta a Valloriate.

am5_building4.JPG
am5_pws1.jpg
am5_building3.JPG
am5_pws2.jpg
am5_building2.jpg
am5_building1.jpg
am5_building_foto Murat Öğücü.jpg
am5_final_wood 2.jpg
am5_final_farmer 1.jpg
am5_final_beach 1.jpg
am5_final_beach 3_foto alberto seita.JPG
am5_building5_foto Murat Öğücü.JPG
am5_final_farmer 2.jpg
am5_final_beach 2.jpg
am5_final_wood 1.jpg
am5_final_farmer3_foto sara gorgerino.jpg