am#2 avigliana

ad fines

landmark and archaelogical areas info point

opened september 1, 2012

il sito è una piccola area lungo la strada statale 24, nella borgata malano di drubiaglio, insediamento agricolo a nord della dora e della città di avigliana, sulla storica direttrice principale di collegamento tra la pianura padana e la francia. un tassello tra i campi, le cascine e le moderne villette, aperto alla vista sui monti che delimitano la valle di susa, nell'area della “statio ad fines cotii”, la stazione di confine dell'impero romano tra la province transpadana e delle alpi cozie nei primi secoli d.C.

 

7 giorni di atelier, 1 scatola di costruzioni contenente 3 metri cubi di legno di abete (travi 12x15 cm lunghe 4 metri, travi 12x12 cm, listelli 4x5 cm, tavole larghe 17-22 spesse 2,5 cm, lunghe 2 metri e ferramenta.

 

ad fines è un punto informativo sulle aree archeologiche della zona e un segnale alla scala del paesaggio per coinvolgere i viaggiatori che lo incrociano alle diverse velocità della strada statale, della pista ciclabile e del marciapiede. il muro che porta l'insegna forata sulle tavole e la piattaforma che accoglie i supporti per i pannelli informativi sono orientati secondo la giacitura degli edifici romani interrati a due metri di profondità sotto al punto informativo.

muro e piattaforma si sovrappongono come strati archeologici, ospitano un pannello informativo dedicato ai ritrovamenti archeologici ad avigliana e uno sulla storia antica del territorio.

 

 

the site is a small area along the national road 24 in the borgata malano of drubiaglio village, an agricultural settlement to the north of the dora river and the city of avigliana on the historic main route linking the po valley with france.

a wedge between fields, farms and modern houses, open to the view of the mountains that surround the susa valley, in the "statio ad fines cotii" area, the checkpoint of the roman empire at the border between the transpadana region and the cozie alps province in the early centuries AD.

7 days of atelier, 1 building box containing 3 cubic meters of spruce timber (beams 12x15 cm 4 meters long, beams 12x12 cm and 4x5 cm, planks 20 cm large and 2.5 cm thick, all 2 meters long) and iron fittings.

ad fines is an info point on the archaeological sites in the area and a landmark to engage travellers at various speeds on the national road, the bike lane and the sidewalk. the system consists in a wall supporting the pierced sign and in a platform dedicated to the info panels, both following the orientation of the ancient roman buildings that lay two meters deep under the info point.
wall and platform overlap as archaeological layers and host information panels dedicated to the archaeological finds in avigliana and to the ancient history of the area.

 

 

atelier mobile_sara ambrosoli, luca barello, paolo cavallo, paolo golinelli, luca malvicino

con/with_alberto seita

 

atelier participants_cynthia aleman, alessia castelluzzo, elli fountoukidou, maurizio giardina, massimiliano margutti, gabrielle ranger, paolo umana, filippo zuliani

 

carpentiere/carpenter_renato cantore

 

un grazie speciale a/special thanks to

andrea archinà, federico barello, michele bonino, luca brunatti, paolo calligaris, chiapella legnami, famija 'd drubiaij, luca gibello, lorenza giordanino, giuseppe margaira, paolo mellano, fabio panicco, ufficio cultura del comune di avigliana, rachele vicario


 

ad fines


La principale via di comunicazione tra l'Italia e la Francia si snoda lungo la valle della Dora Riparia verso le Alpi Cozie: una serie di strade parallele che hanno visto passare lungo i secoli uomini ed eserciti, dalle milizie romane a Carlo Magno fino all'attuale autostrada.
Nella borgata Malano a Drubiaglio, frazione di Avigliana a nord della Dora, si trovava lungo la strada romana un posto di confine tra la provincia delle Alpi Cozie e la pianura italiana.
Resti della stazione doganale, oltre a parti della strada, due ville e una fattoria sono stati trovati in cantieri di scavo nell'area.

 

il lavoro dell'atelier


Il tema dell'atelier è il progetto e la realizzazione di un punto di segnalazione-spiegazione delle aree archeologiche «Ad Fines Cotii» lungo la strada statale ss24 in un luogo aperto alle visuali delle Alpi e della Sacra di San Michele.
Il progetto della struttura si svolgerà in collaborazione con gli archeologi della Soprintendenza e riguarderà i temi di:

 

landmark e luogo-segnale  

punto di informazioni sulle aree archeologiche  

osservatorio sul paesaggio

 

per diventare un punto di riferimento per gli abitanti del luogo e per i visitatori.

ad fines


the main communication route between Italy and France runs along the Dora Riparia river valley towards the Cozie Alps : a series of parallel roads passed through by men and armies from age to age, from the Roman empire to Charlemagne to the present highway.
Malano village in Drubiaglio, part of Avigliana town north of Dora river, hosted a check point on the Roman road along the border between the Province of Cozie Alps and the Italian plain.
Ruins of the customs station, as well as parts of the road, two houses and a farm were found in excavation sites in the area.

 

the work of the atelier


the theme of the atelier is the design and building of an info point to explain the archaeological areas "Ad Fines Cotii" along the national road SS24 in a site open to the views of the Alps and the Sacra di San Michele.
the design of the structure will take place in collaboration with the archaeologists of the Soprintendenza ai Beni Archeologici, and will concern the topics of:

 

landmark  

archaeological areas Info point  

landscape viewpoint


to become a landmark for locals and visitors.

 

The construction will be built ​of timber with the assistance of a skilled carpenter, using a "box construction" made ​​up of beams, planks and boards of defined size.

 

 

 

atelier mobile  scuola nomade di architettura che cambia sede ogni estate: arriva, progetta, costruisce e parte verso un altro luogo, dove si svolgerà il progetto l'anno successivo.

 

atelier mobile a travelling architecture school which changes place every summer: it arrives, designs and builds, to move onto another site the following year.